I Guardiani della Galassia Vol.2 | Recensione

E’ sbagliato considerare il cinema come un monoblocco di cemento armato e inamovibile. C’è stato un periodo in cui andavano di moda i western, e poi un altro nel quale a prevalere erano gli action. Oggi il genere che va per la maggiore sono indubbiamente i cinecomics, con in corso una sfida multimilionaria tra la Marvel da una parte e la DC dall’altra. 
Per quanto mi riguarda non sono un appassionato dei cine-fumettoni, dunque sono poco interessato a questa diatriba che c’è tra i fan delle due fazioni. Però mi preme fare una constatazione, ovvero come la Marvel abbia spazzato via qualsiasi intenzione  di un cineasta di poter pisciare fuori dal cesso, attraverso la realizzazione di una specie di catena di montaggio del cinema. Tant’è vero che faccio fatica distinguere un marvel-comics da un altro. 

L’unico escamotage che possiede un regista per fare un po’ di testa sua con la Marvel-Disney è quello di giocare al paraculo affinché venga almeno preso un po’ in considerazione.  Sotto quest’ottica spicca il nome di James Gunn, regista de I Guardiani della Galassia.
Rispetto agli altri cinecomics, il primo capitolo dei Guardiani della Galassia si differenziava per lo stile assolutamente scanzonato rispetto agli più seriosi come Captain America. James Gunn ha spinto, non so con quanta paraculaggine, la leva dell’acceleratore fancazzista più di tutti gli altri suoi colleghi, ottenendo così un incrocio tra Star Wars e un film comico. Il Volume 1 era un film così leggero e scanzonato che permetteva di chiudere un occhio sui soliti difetti dei titoli targati Marvel. Con il clamoroso successo mondiale era inevitabile che non si facesse un seguito.  
E dunque arriamo al Vol.2, e ammetto che ho riso di gusto anche stavolta, però c’è qualcosa che inizia ad incrinarsi. Stavolta lo spirito fancazzista del Vol.1 ha preso tutto per sé oscurando tutto il resto, compresa una sceneggiatura ridotta al minimo sindacale. Il risultato finale è di trovarsi di fronte un collage di sketch in stile Le Comiche. Purtroppo c’è poco altro da aggiungere, ed è proprio questo il problema. Mancano le idee, manca una scrittura, c’è solo tanta commedia, a tratti divertente e altre volte imbarazzante. Cos’altro si può dire?
In conclusione: I Guardiani della Galassia Vol.2 è un film assolutamente consigliato a chiunque nonostante i problemi sopra riportati. Ma non aspettatevi nessuna rivoluzione copernicana. La speranza è che almeno nel prossimo capitolo non dimentichino di scrivere una “normale” sceneggiatura.