Edge Of Tomorrow | Recensione

Edge of Tomorrow

Il 2 Febbraio di ogni anno a Punxsutawney, in Pennsylvania, si celebra il Giorno della Marmotta. Funziona grossomodo così: se la marmotta non rientra nella sua tana il freddo inverno finirà a breve, altrimenti ci sarà ancora molto da attendere prima dell’arrivo delle belle giornate pre-primaverili e le camicie hawaiane [link]. Il giorno della marmotta è una delle feste più folkloristiche d’America, divenuta celebre in tutto il mondo grazie a Ricomincio da Capo, in cui Bill Murray rimane bloccato all’interno dentro un loop temporale del giorno della marmotta.

Edge of Tomorrow

Adesso dimenticate tutto quello che ho appena scritto, eccetto il loop temporale, e aggiungete come contorno una bella invasione aliena degna del miglior fuhrer: ne uscirà Edge of Tomorrow – Senza Domani. Adattamento cinematografico della graphic novel All You Need Is Kill, scritta da Hiroshi Sakurazaka ed illustrata da Yoshitoshi Abe.

Il fuhrer non è nominato a caso dal momento che le citazioni riguardo la prima e la seconda mondiale sono molteplici: a partire dalla cartina dell’Europa mostrata all’inizio del film, in cui i confini dell’invasione aliena corrispondono esattamente ai territori occupati dai nazisti all’apice della loro forza durante la seconda guerra mondiale, oltretutto viene citata la battaglia di Verdun, storicamente considerata una delle più importanti vittorie del fronte occidentale durante la grande guerra. Nondimeno la località scelta per la controffensiva ricorda esplicitamente lo sbarco in Normandia. E così via. 

Edge of Tomorrow

La pellicola è un concentrato di fanta-action e un filo di comedy, al motto di: Vivi-Muori-Ripeti. Un’espediente narrativo utile anche per delle ottime gag, in cui osserviamo un impacciato Maggiore William Cage (Tom Cruise) tra le fila dell’esercito di liberazione, e in situazioni perlopiù da tragi-commedia di fantozziana memoria. Da questa prospettiva Edge of Tomorrow rientra in quel cinema anni ’90, nel quale il connubio commedia/action erano la gioia del pubblico mainstream del tempo. In realtà è una dinamica ancora oggi valida, ma Edge of Tomorrow si differenzia dla resto per un taglio più adulto a dispetto dei Pg-13 dell’universo Marvel. 

Edge of Tomorrow

Edge of Tomorrow è un’ opera che accontenta sia gli appassionati sci-fi e sia gli amanti dell’action, a tratti divertente e adrenalinico, anzi, non si ferma mai. Il gioco del loop temporale funziona in funzione di entertainment, malgrado dialoghi non proprio originalissimi, però mai banali, forti di uno script bello e suggestivo.

Certamente non possiamo definirlo come un nuovo caposaldo del genere, ma perlomeno è apprezzabile nella sua onestà di fondo, senza furbate e senza quel paraculismo per accaparrarsi il compiacimento di ogni categoria del genere umano. Ad avercene titoli così.